Le 6 migliori stampanti 3D FMD e SLA adatte ai principianti

Le osservi da molto tempo e immagini tutto quello che potrai creare con una stampante 3D, l’hai puntata quando i primi modelli sul mercato costavano migliaia di euro e hai aspettato e aspettato fino a che finalmente sono diventate più accessibili ma anche più precise e diversificate nei modelli e nelle possibilità di lavorazione.

Per spingerti a fare finalmente il grande passo, abbiamo creato questo articolo sulle migliori stampanti 3D in vendita online e abbiamo approfondito il tema per fornirti tutti gli elementi utili per trovare il modello perfetto per le tue esigenze!

Le migliori stampanti 3D


Qual è la migliore stampante 3D?

Dalle penne alle macchine professionali, il mondo delle stampanti 3D può intimidire se siamo alle prime armi.

Termini tecnici come “stampante FMD” o “SLA” sono difficili da comprendere quando non si è ancora del settore, e operazioni che pensavamo facili come la scelta del filamento improvvisamente ci sembrano insormontabili per timore di rovinare il nostro nuovissimo e costoso macchinario professionale.

Se ti ritrovi nella descrizione potrai sicuramente partire avvantaggiato con i consigli che ti forniremo in questo articolo ma iniziamo con qualcosa di pratico e vediamo quali sono le migliori stampanti 3D secondo il pubblico del web.  

Guardiamo quindi la lista delle migliori stampanti 3D:

1. Stampante 3D professionale – Artillery Sidewinder X1

Artillery Sidewinder X1 Stampanti 3D, 2020 V4...

Ver en AMAZON

Per i tuoi progetti di qualità professionale ti serve una macchina che sappia stare al tuo passo e questa di Artillery è una proposta a buon mercato ma su cui poter fare grande affidamento.

Innanzitutto è una stampante 3D silenziosa, perfetta per chi lavora in casa e deve lasciarla in funzione anche tutta la notte. Ha un comodo porta bobina superiore e un piano di stampa in vetro reticolato ultra liscio che facilita il distacco degli oggetti finiti.

Soprattutto, ha un sistema di sicurezza che, in caso di interruzione di corrente, le permette di riprendere il lavoro esattamente dallo stesso punto in cui si era fermata.

Precisa, poco ingombrante e maneggevole, è un oggetto consigliato anche per i professionisti della stampa 3D.


2. Stampante 3D – Giantarm Geeetech A20

GIANTARM Nuova Geeetech A20 Stampante 3D.Volume di...

Ver en AMAZON

Una bellissima macchina di un’ottima marca e con un ottimo rapporto qualità prezzo, consigliatissima anche a chi si sta iniziando ad approcciare solo ora al mondo delle stampe 3D.

È facile da usare, praticamente già montata all’arrivo, ha tanti piccoli punti a favore che la rendono veramente unica e funzionale, come il menu con comandi chiari fruibili anche da chi si trova di fronte a una stampante 3D per la prima volta. 

È silenziosa, ha un’ottima qualità di stampa ed è abbastanza veloce. Inoltre ha tanti accessori compatibili che ci permettono di avere un’esperienza ancora migliore.

La struttura è solida, è completa di tutto il necessario per iniziare a lavorare, incluso un filamento di prova.


3. Stampante 3D per resina UV – Anycubic

ANYCUBIC Stampante 3D Photon S LCD per...

Ver en AMAZON

Se stai cercando una stampante 3D in grado di realizzare oggetti estremamente precisi e dettagliati, una macchina per la resina dotata di luce UV è la scelta migliore sotto ogni punto di vista e questa proposta di Anycubic è davvero di alto livello.

Esegui slicing veloci grazie a Photon S Workshop e poi inizia a creare i tuoi modelli sicuro di avere un bed perfettamente orizzontale e con un’aderenza impeccabile. Ma non temere, la piattaforma in alluminio è trattata per permetterti di staccare facilmente i pezzi senza danneggiarli.

Questa stampante 3D è anche dotata di una doppia ventola di filtraggio dell’aria, un elemento essenziale soprattutto per le lavorazioni in resina.

Un pack completo di tutti gli accessori che ti permetterà di iniziare a lavorare da subito, con pochi interventi di montaggio da fare per preparare la macchina.


4. Stampante 3D – Comgrow Creality Ender 3 Pro

Stampante 3D ufficiale Creality Ender 3 Pro con...

Ver en AMAZON

Una delle stampanti 3D più apprezzate e diffuse di sempre, con una grande community presente in tutti i paesi del mondo disposta a fornire suggerimenti, guide e aiuto che sarà di grandissimo supporto sia agli esperti che vogliono personalizzarla in ogni suo dettaglio (essendo completamente open source) sia ai neofiti che si approcciano alla stampa 3D per la prima volta.

Ha un’area di stampaggio ampia ed è realizzata in materiale molto robusto, questo modello Pro ha numerosi dettagli in più rispetto alla sua versione di base, come un asse Y ridisegnato che fornisce una stabilità migliorata.

Un aspetto interessante è il sensore di protezione termica che avvisa quando la macchina registra una perdita di controllo della temperatura, senza contare che arriva già quasi completamente assemblata, facilitando di molto il lavoro di messa in opera.


5. Stampante 3D per fotopolimerizzante – Elegoo Mars

ELEGOO Stampante 3D LCD per Fotopolimerizzante...

Ver en AMAZON

Per i tuoi lavori professionali e non, affidati a una macchina altamente precisa, per resina, con il prezzo più basso in assoluto!

Mars di Elegoo non è una tecnologia aliena eppure pare arrivare da un altro pianeta per quanto è altamente performante e facile da usare. Un prezzo assolutamente competitivo e un kit super completo che include attrezzi per montaggio, per la lavorazione e dettagli extra molto comodi, come la pinzetta per la rimozione dei supporti, i guanti e la mascherina.

Una stampante 3D di ottima costruzione che arriva già quasi montata e molto facile da usare, con istruzioni chiare fornite su una chiavetta USB con lo slicer.

Ha un ampio schermo LCD da 3,5 pollici su cui vedere l’anteprima del pezzo nella scheda SD, inoltre grazie al software Chitubox per lo slicing ci vorrà solo 1 minuto per svolgere operazioni che in modalità open source richiederebbero anche 10 volte tanto.


6. Stampante 3D a penna – Tecboss

Tecboss Penna 3D, 3D Penna Stampa con Schermo LCD...

Ver en AMAZON

Se sei attratto dalla stampa 3D ma non hai spazio per macchine professionali o semplicemente vuoi mettere alla prova le tue abilità artistiche creando manualmente i tuoi pezzi unici in PLA o ABS, questa penna 3D è proprio ciò che può fare al caso tuo – e a un ottimo rapporto qualità prezzo.

Ideale per adulti e bambini, è una penna di ottimo livello e dalla tecnologia avanzata, con 8 livelli di regolazione della temperatura, per gestire la quantità di materiale in uscita dal beccuccio in ceramica e per adattarlo alle esigenze del materiale.

Il tutto facilmente controllabile dallo schermo LCD.

Il filo avanza automaticamente e i residui vengono altrettanto automaticamente scartati, lasciando solo un flusso continuo omogeneo di filamento.

È una versione low cost di una stampante 3D vera e propria, con cui divertirsi e iniziare a sperimentare.


Cos’è una stampante 3D?

stampante-3D

Una stampante 3D è un macchinario in grado di stampare diversi materiali e tipi di filamenti per realizzare oggetti depositando strati di materiale livello su livello su un piano di stampa, in base a quanto impostato dal progetto digitale.

Con queste apparecchiature è possibile realizzare modelli in scala, prototipi, componenti di ogni genere, meccanismi funzionanti e molto altro ancora, il tutto a un prezzo complessivo infinitamente più ridotto rispetto alle classiche tecniche produttive.

Inoltre usare una stampante 3D non è affatto difficile, basta avere un modello tridimensionale creato con un software di progettazione e inviarlo alla stampante. Una volta regolati i diversi parametri in base alle necessità, faremo partire la macchina e dovremo solo aspettare che abbia terminato.

A seconda della dimensione del pezzo, della tecnica di stampa e del tipo di macchinario usato, per completare una stampa ci può volere da 1 ora ad anche 24 ore. 

Tipi di stampanti 3D

Ci sono 3 tipi di tecnologia di stampa in commercio:

  • SLA – acronimo di Stereolitografia
  • SLS – acronimo di Selective Laser Sintering
  • FFF o FMD – acronimi di Fused Filament Fabrication e Fused Deposition Modeling

FFF o FMD

La FMD è la più comune fra le tecnologie, è quella in cui il filamento di termoplastica viene riscaldato dall’ugello e poi depositato sulla piastra per creare i diversi strati e realizzare oggetti in stampa tridimensionale su un’area di stampa.

Le stampanti di questo tipo hanno prezzi molto variabili, possono partire da circa 200 euro per macchine di fascia media e arrivare a toccare i duemila, se non oltre.

Anche se ci sono sempre le eccezioni, maggiore è il prezzo e molto probabilmente migliore sono le tecnologie e la precisione di stampa.

Funzionano con due tipi di filamenti: ABS e PLA.

SLA

La tecnica SLA è anche quella che ha dato origine a questa meravigliosa tecnica di stampaggio. Qui un apparato stereolitografico trasforma un materiale liquido in solido dandogli la forma desiderata. I prezzi tendono ad essere più elevati rispetto alle precedenti ma la qualità finale è nettamente superiore.

La stampa SLA è perfetta per chi ha già dimestichezza con la stampa 3D e vuole espandere le sue competenze o il portfolio di oggetti prodotti.

È un universo certamente entusiasmante per i più esperti che oggi può essere intrapreso anche dai neofiti grazie a macchinari tutto sommato semplici da utilizzare ma è bene ricordare che questa tecnica prevede anche un certo numero di passaggi post-stampaggio che non possono essere trascurati dato che il materiale di partenza è la resina liquida.

SLS

La tecnica SLS è simile alla stereolitografia ma utilizza materiale in polvere.

Questo tipo di stampanti sono le più costose sul mercato e richiedono minuzia e precise operazioni di post produzione ma, come è logico immaginare, gli oggetti realizzati con questa tecnica sono di qualità eccellente e dai dettagli minuziosi, del tutto inaccessibili con qualsiasi altra stampante 3D.

Sono le migliori per chi ha aziende specializzate o laboratori tecnici, decisamente sconsigliate per dei semplici hobbisti.

RICORDA

Le stampanti 3D devono essere utilizzate in ambienti ben ventilati, soprattutto quelle a resina. Anche temperatura ambientale e livello di illuminazione naturale possono influire rovinosamente sulla qualità di stampa: evita luce diretta, preferisci l’illuminazione artificiale e ambienti asciutti e temperati, non al di sotto dei 20°C.

Aspetti chiave di una stampante 3D

Adesso sai le differenze e abbiamo svelato il mistero dei diversi acronimi, ora però siamo solo a metà strada nella scelta della tua prima (o nuova) stampante 3D, ancora non abbiamo parlato degli aspetti tecnici e delle diverse caratteristiche che dovrai prendere in considerazione in modo da fare la scelta migliore per le tue esigenze – e il portafoglio:

  • Resina o filamento

Come abbiamo visto poco fa, le due scelte principali per quanto riguarda il materiale di stampa sono resina e filamenti di termoplastica.

Entrambe le scelte sono eccellenti e si adattano alle esigenze di qualsiasi hobbista, anche di molti professionisti – per la verità.

Guardiamole più nel dettaglio:

Filamento

le-stampanti-3d

Le stampanti a filamento sono le più diffuse. Qui il materiale plastico è in bobina e viene fatto sciogliere da un ugello che poi deposita lo strato lungo il perimetro del progetto, stratificando i diversi livelli e ricreando anche i dettagli, dalla base fino all’estremità superiore.

Resina

Le stampanti a resina invece usano della resina liquida. Qui la base si immerge in una vasca con la resina e una fonte luminosa indurisce il liquido creando i diversi strati. Le stampanti a resina sono di qualità nettamente superiore rispetto alle FMD, con dettagli più nitidi e precisi.

Oltre ad avere un costo maggiore, però, c’è da valutare anche i contro di lavorare con la resina: richiede maggiore ventilazione, ci vuole molta attenzione nell’usare il materiale, si rischia di creare disastri (es rovesciare la resina), i rifiuti vanno smaltiti come rifiuti pericolosi (inclusi guanti, mascherina e la carta utilizzata per raccogliere residui o ripulire i pezzi in post-produzione) e processi di post-produzione molto più lunghi. 

  • Rumorosità 

Le stampanti 3D possono lavorare incessantemente per numerose ore, anche tutto il giorno, il fattore rumore è un aspetto che dovremo considerare con attenzione, soprattutto se la terremo a casa.

Nessuna macchina di questo tipo è silenziosa al 100% ma alcuni modelli lo sono più di altri. Leggiamo sempre la opinione lasciata dagli altri acquirenti in merito per capire quale scegliere e orientiamoci verso una soluzione che ci sembra in linea con le nostre esigenze.

Ci sono anche un paio di trucchi che possiamo sfruttare per ridurre il rumore.

Possiamo installare dei pannelli insonorizzanti nella stanza, possiamo appoggiare la stampante 3D su una superficie in schiuma tipo un tappetino da yoga o su un tappeto, sicuramente dovremo sempre appoggiarla su un piano solido pieno. 

  • Velocità di stampa

Le stampanti 3D hanno velocità di stampa variabile. Di solito quelle a resina sono più lente rispetto a quelle FMD.

Chi usa queste macchine solo come hobby, per puro divertimento, tutto sommato potrebbe non curarsi molto dell’aspetto velocità di stampa ma per i professionisti invece può essere un punto determinante.

Per stampare oggetti piccoli una macchina veloce di solito non penalizza la qualità del risultato ma per degli oggetti più grandi delle macchine veloci possono creare problemi di allineamento verticale e penalizzare la nitidezza dei dettagli.      

  • Piano auto livellante

Un piano (o “bed”) autolivellante è una di quelle specifiche tecniche che proprio vorremmo trovare nella nostra stampante perfetta. Il livellamento manuale può essere sfibrante, lungo e tedioso ma d’altronde un piano non perfettamente allineato si traduce in stampe venute male. 

Per fortuna i piani autolivellanti hanno un sensore che testa i diversi punti del bed per calcolare la distanza fra il piano e l’ugello, dopodiché lo regola in modo che la stampa finale sia impeccabile.

È sicuramente una delle caratteristiche fondamentali e irrinunciabili per dei principianti.

  • Opzioni di connessione

Prima di stampare il tuo primo pezzo dovrai inviare il file di stampa alla stampante 3D e questo passaggio lo potrai fare in diversi modi.

La maggior parte delle macchine moderne si connette con un cavo USB e sono munite di slot per scheda SD o una porta USB a cui collegare una pendrive.   

  • Dimensione generale e grandezza di stampa

Un altro aspetto che non potremo trascurare scegliendo la nostra stampante 3D è quanto è grande. Ovviamente se abbiamo un laboratorio dedicato potremo spingerci anche verso macchinari di grandi dimensioni ma se sappiamo che andrà messa su un tavolo o un angolo della stanza, ci conviene sapere prima quanto spazio c’è a disposizione.

Ma attenzione, perché un aspetto che è strettamente collegato alla dimensione del macchinario è la dimensione massima dell’oggetto da stampare.

Va anche detto che le stampanti a resina tendono ad essere un po’ più compatte rispetto alle macchine a filamento. Per un utente medio, tuttavia, una stampante 3D di dimensione medio-piccola è generalmente sufficiente.

  • Qualità, accuratezza e precisione di stampa

Una macchina “accurata” non è per forza una macchina “precisa”.

Per “accuratezza” intendiamo la capacità di riprodurre parametri determinati mentre per “precisione” di stampa intendiamo la capacità di realizzare movimenti ripetuti perfettamente identici.

Quindi una stampante 3D potrebbe essere molto accurata perché deposita il materiale nel punto esatto indicato dal progetto ma poco precisa perché i suoi movimenti non risultano perfettamente identici e quindi non saprà essere costante nell’erogazione degli strati.

Stampante 3D per iniziare

LO SAPEVI CHE

Il processo di post-produzione di un pezzo in resina prevede l’uso di alcol, sapone e un’esposizione di diverso tempo alla luce UV, il tutto ripetuto più volte. 

Come scegliere una stampante 3D?

  1. Decidi se preferisci una stampante a filamento (FMD) o una a resina (SLA)
  2. Prendi le misure dello spazio a disposizione per la stampante
  3. Scegli un modello di stampante con il bed autolivellante
  4. Verifica che la stampante sia già parzialmente montata e in materiale robusto
  5. Leggi le opinioni degli altri per capire se è facile da usare e intuitiva
  6. Scegli il tipo di connessione
  7. Quanto è rumorosa?
  8. Devi realizzare modelli molto particolareggiati? Informati sull’accuratezza e sulla precisione di stampa
  9. Valuta il prezzo in base alla tecnologia di stampa

Dove acquistare una stampante 3D?

  • Negozi e siti di elettronica: Mediaworld, Unieuro, Euronics, Trony, Saturn e avranno diversi modelli di stampanti 3D e di filamenti a un prezzo conveniente
  • Grandi e-commerce: le grandi piattaforme come Amazon o Ebay sono sicuramente il luogo migliore dove trovare delle stampanti 3D di ogni tipo a un ottimo rapporto qualità prezzo e i loro accessori.

Domande Frequenti

🤖 Quanto costa una stampante 3D?

La maggior parte delle macchine di fascia media a basso prezzo sul mercato parte dai 200 euro fino ai 500, sia per i modelli a filamento che per quelli in resina. Modelli più grandi e sofisticati possono arrivare a costare anche oltre i mille euro.

🤖 Le stampanti 3D sono illegali?

Anche se la stampa 3D offre moltissime opportunità sia professionali che creative, è bene stare attenti a non creare pezzi sostitutivi non standard per aggiustare dispositivi di sorta poiché le conseguenze legali per eventuali incidenti possono essere davvero molto gravi.

🤖 Come mai stampare in 3D è così costoso?

Per i materiali

I materiali necessari da “stampare” in 3D sono parecchio costosi. In base alla tecnologia di stampa, i filamenti e le resine usati nelle stampanti commerciali sono più costosi da produrre rispetto a plastica, metallo o vetro – parlando in generale.

🤖 Quanto sono resistenti I pezzi stampati in 3D?

Le parti stampate in 3D non sono resistenti come dei pezzi realizzati con cicli produttivi tradizionali. La stampa a strati è sia il loro più grande punto di forza che la loro maggiore debolezza.